Il Video che Commuove il Mondo Intero

Inserito in Cultura | Scritto giovedì, 19 settembre 2013 | Autore Valeria Bonora | Commenta per primo

Dare e’ la migliore forma di comunicazione al mondo. Che meraviglia questa frase, è carica di significato, uno slogan pubblicitario che racchiude tutta la voglia della True Corporation, una compagnia di telecomunicazioni thailandese, di migliorare la condizione di vita degli abitanti. L’azienda TrueMove H pensa che  gli spot siano il mezzo migliore di comunicazione, ed […]

Dare e’ la migliore forma di comunicazione al mondo.

Che meraviglia questa frase, è carica di significato, uno slogan pubblicitario che racchiude tutta la voglia della True Corporation, una compagnia di telecomunicazioni thailandese, di migliorare la condizione di vita degli abitanti.

L’azienda TrueMove H pensa che  gli spot siano il mezzo migliore di comunicazione, ed è impegnata nello sviluppo di nuove tecnologie di comunicazione per la Thailandia per creare opportunità e migliorare la qualità della vita. Probabilmente il senso è che fare qualcosa senza aspettarsi niente in cambio, alla fine paga sempre.

Ed ecco che con un video che ha già più di nove milioni di visualizzazioni su YouTube, riesce a toccare il cuore di tutti quelli che lo guardano e che sentono il dovere di condividerlo, di diffondere il messaggio, un messaggio ricco di significato: dare senza aspettarsi niente in cambio.

Sono pochi minuti per raccontare la storia di un bimbo povero che per guarire la madre ruba dei farmaci, sorpreso a rubare viene però sgridato dalla negoziante.

A questo punto entra nella scena un uomo che chiede al bimbo della sua mamma, paga le medicine e le dà al bimbo insieme ad una zuppa calda.

Dopo trent’anni quel bambino ha l’opportunità di sdebitarsi. Infatti quell’uomo, probabilmente colpito da ictus, si ritrova in ospedale e la figlia per pagare la salatissima bolletta, quasi 15.500 dollari, decide di vendere l’attività di famiglia, un piccolo ristorantino nel quale il padre non aveva mai negato un piatto di zuppa calda a chiunque glielo chiedesse.

Il medico che lo opera però paga lui tutte le spese e lascia una lettera alla figlia dlel’uomo, ringraziando e spiegando che la parcella era stata pagata trent’anni prima, con 3 confezioni di farmaci e una zuppa calda.


[Fonte Eticamente.net]





Loading Facebook Comments ...