Attentato 11 Settembre, Spunta un Rapporto Segreto Sconvolgente [Video]

Inserito in Cronaca, Esteri | Scritto martedì, 17 dicembre 2013 | Autore Fabiana Cipro | Commenta per primo

Le nuove rivelazioni potrebbero dare un'impronta completamente diversa all'attentato terroristico che costò la vita a 2.752 persone

Dopo gli attacchi dell’11 settembre del 2001, alla popolazione fu detto che al Qaeda agì da sola, senza l’aiuto di nessun altro Stato. Ma la Casa Bianca non rese pubblica un’intera sezione del rapporto investigativo indipendente richiesto dal Congresso, dove emergerebbe che ci furono “specifiche fonti di sostegno straniero” per i 19 dirottatori, 15 dei quali erano cittadini sauditi. Questa notizia è stata tenuta segreta e rimane così ancora oggi. Il presidente di allora, Bush, inspiegabilmente censurò 28 delle 800 pagine di quella indagine.

Immagine New York Post

Un paio di parlamentari che hanno recentemente letto le pagine censurate dicono di essere rimasti “assolutamente scioccati per il livello di coinvolgimento di uno Stato estero negli attacchiReps Walter Jones e Stephen Lynch non possono rivelare di quale stato si tratti senza violare la legge federale. Così hanno chiesto al Congresso approvare una risoluzione dove chiedono al presidente Obama di declassare l’intera relazione del 2002 così da renderla pubblica. 

Alcune informazioni, però, sono già trapelate dalla relazione top secret che si basa sia su documenti dell’FBI che da quelli della CIA, e indica come presunto alleato dei terroristi l’Arabia SauditaI sauditi hanno sempre negato di aver avuto qualsiasi ruolo nell’attacco terroristico, ma pare che la CIA in una nota abbia riferito di aver trovato “prove inconfutabili” che i funzionari governativi sauditi – non solo estremisti sauditi ricchi, ma anche diplomatici di alto livello e funzionari di intelligence – hanno aiutato i dirottatori sia finanziariamente che logisticamente. I file citati nella relazione coinvolgono direttamente l’ambasciata saudita a Washington e il consolato a Los Angeles negli attacchi, rendendo la giornata dell’11 settembre 2001 non solo un atto di terrorismo, ma un atto di guerra. Sarà solo quando e se il Presidente Obama renderà pubbliche quelle 28 pagine che, forse, si potrà fare maggiore chiarezza su quel terribile giorno che costò la vita a 2.752 persone, e su cui ancora oggi si fanno ipotesi senza avere alcuna certezza. La domanda che i politici americani si pongono, è se il governo federale stia coprendo, o per lo meno l’abbia fatto in passato, l’Arabia Saudita, considerato che a tutt’oggi le pagine in questione non possono ancora essere lette.

Qua sotto il video (sottotitolato in italiano) dei dubbi dei parenti delle vittime dopo l’attentato

Fonte New York Post




Loading Facebook Comments ...