A più di 40 anni di Distanza i Bambini In Vietnam Nascono ancora Così [Foto Shock]

Inserito in Primo piano, Salute | Scritto venerdì, 25 aprile 2014 | Autore Fabiana Cipro | Commenta per primo

Seppur sono trascorsi 43 anni dal conflitto in Vietnam, tantissimi bambini nascono ancora oggi con terribili conseguenze per l'uso degli agenti chimici usati durante la guerra


Una nuova serie di immagini strazianti ha rivelato che anche i bambini nati a più di 40 anni di distanza dalla sanguinosa guerra in Vietnam, stanno subendo gli effetti terribili di Agent Orange. Francis Wade ha catturato le angoscianti immagini negli orfanotrofi Thi Nghe e Thien Phuoc a Saigon, che ospitano i bambini venuti al mondo decenni dopo il conflitto.

Eppure, nonostante la guerra terminò nel 1971, gli orfanotrofi hanno in cura bambini che soffrono disabilità e si pensa siano causate da una sostanza chimica utilizzata dalle forze Usa, che venne spruzzata su colture, piante e alberi. 

Nelle zone rurali del sud del Vietnam, dove si verificò gran parte dell’irrorazione di Agent Orange, le famiglie hanno ancora problemi per lavorare e creare reddito, oltre che per come nascono i loro figli. Molti dei bambini finiscono negli orfanotrofi perché le loro famiglie non possono permettersi l’onere di un figlio disabile e quindi li abbandonano.

Wade, un giornalista freelance che vive a Bangkok, ha spiegato: ‘Tutto questo è molto triste e il motivo per cui ho visitato gli orfanotrofi, è che molte famiglie in Vietnam, in particolare nelle aree rurali che sono state spruzzate con Agent Orange sono troppo povere per potersi occupare e curare un figlio disabile, e quindi li abbandonano negli orfanotrofi. Così le famiglie che vivono in zone dove c’è ancora una forte contaminazione hanno la doppia maledizione di avere di gran lunga maggiori probabilità di mettere al mondo figli disabili, e non hanno i mezzi per prendersi cura di loro‘.

Agent Orange è la combinazione dei nomi in codice per l’erbicida Agente Arancio e LNX, uno degli erbicidi e defolianti che i militari degli Stati Uniti usarono nell’Operazione Ranch Hand, durante la fase di guerra chimica nel conflitto del Vietnam che durò dal 1961 fino al 1971.

Nel corso di 10 anni, le forze americane spruzzarono quasi 90 milioni di litri di detta sostanza in Vietnam, Laos e parti della Cambogia, nel tentativo di privare i guerriglieri dei possibili nascondigli distruggendo piante e alberi dove avrebbero potuto trovare rifugio.

La sostanza chimica venne creata per il Dipartimento della Difesa statunitense da Monsanto Corporation e Dow Chemical. Deve il suo nome al colore dei barili da 55 galloni a strisce arancioni dentro cui venne spedito in Asia. Tra le malattie contratte dalle persone esposte alla diossina ci sono: linfoma non-Hodgkin, diverse varietà di cancro, diabete di tipo 2, sarcoma dei tessuti molli, spina bifida e anomalie riproduttive, solo per citarne alcune.




Loading Facebook Comments ...