Scompare a 15 Anni: Tenuta Segregata per 10 Anni e Liberata Grazie a Facebook

Inserito in Cronaca, Esteri | Scritto giovedì, 22 maggio 2014 | Autore Fabiana Cipro | Commenta per primo

Stava correndo al parco quando era stata drogata e rapita

Una donna, che aveva 15 anni quando è scomparsa 10 anni fa dalla sua casa in California, ha contattato la polizia e detto di essere stata tenuta prigioniera contro la sua volontà, violentata costantemente e addirittura costretta a sposare e far nascere la figlia del suo rapitore. Il Dipartimento di Polizia di Santa Ana ha comunicato di aver arrestato il suo carceriere, Isidro Garcia, con l’accusa di sequestro di persona, stupro, atti osceni, false dichiarazioni e sequestro di minore.

Isidro Garcia con la donna che ha sequestrato e la loro figlia

La polizia dice che la vittima era fidanzata con Garcia all’epoca del sequestro avvenuto nel 2004. Un giorno di agosto, l’aveva drogata, portata via dalla casa in cui viveva con la sua famiglia e  tenuta lontano da tutto e da tutti per il successivo decennio. La donna di cui non sono state rese note le generalità, aveva cercato di scappare almeno due volte ma in entrambi i casi era stata scoperta dal suo rapitore che poi l’aveva punita e picchiata. ‘Il risvolto psicologico di ciò che è accaduto, è che quando l’ha portata via dalla sua famiglia, le diceva che nessuno la stava cercando, che nessuno si preoccupava di lei... “Io sono l’unico che si preoccupa per te, l’unico su cui puoi contare”‘, ha spiegato alla KTLA Anthony Bertagna, della Polizia di Santa Ana.

I vicini difendono Garcia a spada tratta e lo descrivono come un marito e padre affettuoso

La vittima era andata dal Messico negli Stati Uniti per riunirsi con la madre e la sorella appena sei mesi prima del presunto rapimento. La polizia dice che la ragazza stava correndo in un parco vicino alla sua nuova casa nel 2004, dopo aver litigato in famiglia. Garcia l’aveva incontrata lì e quando lei gli aveva detto che aveva mal di testa e voleva tornare a casa, lui le avrebbe dato delle pillole. La cosa che la vittima ricorda è di essersi poi risvegliata in un garage. Il suo incubo era appena iniziato. Il giorno successivo, Garcia le aveva dato un documento d’identità falso e detto che non sarebbe mai più tornata a casa sua.

Le foto fatte insieme li ritraevano sempre sorridenti

La polizia è fermamente convinta che dietro questo rapimento ci siano anni di lavaggio del cervello e prigionia, ma i vicini di Garcia sembrano completamente attoniti e scioccati dalla piega che ha preso questa storia. ‘Lui la trattava come una regina. Faceva del suo meglio per farle quello che voleva‘, ha detto Maria Sanchez, che abita accanto all’appartamento della coppia nel quartiere di immigrati.

La casa dove viveva la famiglia

La famiglia era molto conosciuta nella comunità, in un video girato l’anno scorso alla festa di compleanno della figlia si vede la donna sequestrata in un abito lungo con la bambina tra le braccia, fa balli di gruppo e dietro di lei c’è il marito-carceriere mentre dimena i fianchi.

Isidro Garcia è stato arrestato, su di lui pendono svariate accuse

I vicini di casa, che conoscono bene Garcia Tomas Madrano detto Garcia, dicono che addirittura faceva due lavori per integrare il reddito della famiglia e comprare un’auto alla donna. ‘A volte restava sola con la figlia in macchina. Non ha mai avuto lo sguardo spaventato‘, ha detto la Sanchez. Rita Salazar, che abita dall’altra parte della strada dice di non aver mai visto alcun segno di difficoltà. ‘Sono stupita che lei abbia aspettato così tanto per dire qualcosa‘.

Ma la polizia vede una logica in tutto ciò che è accaduto in questi dieci lunghi anni: Si tratta di una ragazza di 15 anni che era arrivata negli Stati Uniti da soli sei mesi. Lei non sa dove andare, non sa cosa fare, lei è in una città straniera. Lui inizia a farle il lavaggio del cervello‘. Secondo il comunicato, Garcia viveva con la vittima e la sua famiglia nel giugno del 2004, quando l’aveva abusata sessualmente. Al momento, la madre della vittima sospetta, ma non lo sa per certo, che la figlia era stata violentata da Garcia.

Nel corso degli anni successivi, Garcia ha manipolato la sua vittima facendogli credere che la sua famiglia aveva rinunciato alle ricerche e che se avesse cercato di tornare da loro, sarebbero stati deportati. La polizia dice che Garcia ha spesso fisicamente e sessualmente aggredito la vittima nel corso dei quasi dieci anni di prigionia. Nel 2007, l‘ha costretta a sposarlo a a partorire la bambina. La donna si è finalmente rivolta alla polizia dopo aver trovato la sorella su Facebook che ha raccontato la sua storia agli ufficiali. Durante l’interrogatorio, ha raccontato la sua storia incredibile.




Loading Facebook Comments ...