Madonna con Hitler esposta a Salemi

Inserito in Arte, Cultura, Primo piano | Scritto mercoledì, 29 settembre 2010 | Autore Valeria | Commenta per primo

All’interno del Polo Museale dell’ex Collegio dei Padri Gesuiti e nei saloni restaurati del Castello normanno svevo sarà proposto un secondo ciclo di mostre provenienti dal Festival dei Due Mondi di Spoleto e in più una personale mostra del controverso artista siciliano Giuseppe Veneziano, autore dell’opera «sacrilega» denominata «La Madonna del Terzo Reich». L’idea di […]

All’interno del Polo Museale dell’ex Collegio dei Padri Gesuiti e nei saloni restaurati del Castello normanno svevo sarà proposto un secondo ciclo di mostre provenienti dal Festival dei Due Mondi di Spoleto e in più una personale mostra del controverso artista siciliano Giuseppe Veneziano, autore dell’opera «sacrilega» denominata «La Madonna del Terzo Reich».

L’idea di esporla al pubblico, dopo i veti più o meno perentori di prelati e esponenti politici, è del sindaco Vittorio Sgarbi che  inaugurerà a Salemi la mostra.

«La ‘Madonna del Terzo Reich’ ha i colori e lo spirito di un fumetto – dice Sgarbi – Nulla di stravagante, e nulla di provocatorio. Anche Hitler fu bambino; e il Male, nella concezione teologica del cristianesimo, è una presenza imprescindibile come il demonio nell’iconografia religiosa. Ma, si dirà, la sostituzione del Bambino Gesù con un piccolo Hitler è blasfema, inaccettabile, impossibile. Sarà. Ma, in tutta evidenza, la sostituzione è sottilmente provocatoria, non insolente. Determina stupore, più che orrore. E chiama un sorriso. Dio non ha paura di nessuna creatura, neanche della più feroce».

«Il Comune di Pietrasanta che aveva patrocinato la mostra dell’artista – aggiunge Sgarbi – non è stato in grado di sostenere la prova e ha ceduto alle polemiche di chi ha visto il dipinto come una bestemmia. Questo ha favorito Veneziano. E ha determinato una particolarissima fortuna per la sua opera nel consueto equivoco generato dalla censura. L’indignazione del vescovo e di molti devoti ha potenziato l’effetto dell’opera».

 




Loading Facebook Comments ...