Stipendi a rischio in 75 Atenei italiani

Inserito in Economia | Scritto sabato, 02 ottobre 2010 | Autore Lucia | Commenta per primo

Il Rettore dell'Università di Bologna, Ivano Dionigio, lancia l'allarme per il taglio ai fondi per gli Atenei previsti per il 2011. A rischio ci sono ben 75 Atenei che potrebbero non essere in grado di pagare gli stipendi dei dipendenti

A lanciare l’allarme è il Rettore di Bologna, Ivano Dionigio, che insieme al proprio Senato Accademico ha stimato per il 2011 un taglio di circa 60 milioni per le risorse destinate agli Atenei.
Una situazione preoccupante che mette a rischio la sopravvivenza di circa 75 Ateni italiani i quali per il prossimo anno accademico potrebbero non essere in grado di pagare gli stipendi per il proprio personale, nè tanto meno assicurare i servizi essenziali, ovvero quelli necessari al corretto funzionamento degli istituti.
Secondo il Rettore Dionigi il rifinanziamento degli Atenei è ” vitale e dovuto sia per confermare servizi essenziali che già funzionano si perché laddove si proclama un criterio meritocratico, qualche motivo ci sarà se Bologna è in testa a tutte le classifiche“. Il Rettore non ha voluto sbilanciarsi nel caso i tagli annunciati non vengano coperti: “Senza 60 milioni agiremo in base a un principio di realtà”.
Il doumento diffuso dal Senato Accademico annuncia comunque dei sacrifici sul lato della ricerca e del personale, sebbene alla fine non sia mancato un accorato appello al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, al quale ha scritto:
Mi ha parlato del Fondo di rifinanziamento, spiegando che lo stava seguendo da vicino. Se queste risorse andranno a destinazione, gran parte del merito sarà suo”. Quindi il Rettore ha concluso: “Il problema c’e’. Vedremo quel provvedimento, poi speriamo che ognuno si assuma le proprie responsabilità“.




Loading Facebook Comments ...