Totò e il suo Fischio da Usignolo. Sapete cosa significava?

Inserito in Cinema | Scritto lunedì, 20 marzo 2017 | Autore Valentina | Commenta per primo

Nori Corbucci, moglie del regista Sergio ci racconta una chicca su Totò! Il suo fischio tipo usignolo che significava "stop alle riprese"

Totò è un’artista che difficilmente verrà dimenticato anzi, diventato un’icona soprattutto dopo la morte i suoi film ci accompagnano ancora oggi quotidianamente strappandoci sempre anche più di una risata perchè Totò in fondo era questo “Il Principe della Risata”.

Totò

Totò e Franca Faldini

Ancora oggi scopriamo nuove chicche su di lui e a svelarcela questa volta è Nori Corbucci, moglie del regista Sergio che intervistata dal “Fatto Quotidiano” ha parlato del grande artista napoletano. Con Sergio Corbucci Totò gira sette film che terminano in fretta, in un mese infatti erano in grado di finire una pellicola ma c’è da precisare che non furono delle migliori nella carriera di Totò.

Il Racconto di Nora Corbucci su Totò

 

“Totò era già anziano e ci vedeva poco, ma restava un vero principe, frequentava solo aristocratici, solo grandi signori, quando andavo sul set si alzava per il baciamano. Con Sergio però non ha girato i suoi lavori migliori. Era un tipo generoso, da lui arrivavano dei regali enormi. Amava scegliere le parole, e parlava di Totò in terza persona, diceva di non amarlo ma di rispettarlo perché gli dava da mangiare, gli consentiva la bella vita. Diventava Totò da mezzogiorno, prima non si alzava, fino alle cinque del pomeriggio quando emetteva un fischio tipo da usignolo, era il segnale dello “stop alle riprese”, nessuno diceva niente, ma da qual momento tornava il principe. Sergio girò sette film con lui. Li finiva in un mese, le sceneggiature erano dei canovacci, poi Totò improvvisava”




Loading Facebook Comments ...