Scuola: via i libri, da adesso i Notebook

Inserito in Scuola | Scritto mercoledì, 20 ottobre 2010 | Autore Orazio Accomando | Commenta per primo

Che i libri erano fuori moda questo si sapeva,anche se non fino a questo punto. Si sapeva già che la tecnologia aveva sostituito le vecchie biblioteche,si sapeva anche che internet offrisse ricerche più rapide rispetto ai vecchi testi. Questo cambiamento,però,ha coinvolto anche l’istituzione che più di tutte faceva uso di libri e manoscritti; la scuola. […]

Che i libri erano fuori moda questo si sapeva,anche se non fino a questo punto.

Si sapeva già che la tecnologia aveva sostituito le vecchie biblioteche,si sapeva anche che internet offrisse ricerche più rapide rispetto ai vecchi testi.

Questo cambiamento,però,ha coinvolto anche l’istituzione che più di tutte faceva uso di libri e manoscritti; la scuola.

Da un paio di anni,in molte scuole,i vecchi registri di classe sono stati sostituiti da registri elettronici,e fin qui il cambiamento può anche starci.

Da adesso però anche i libri sono stati sostituiti dai nuovi” Notebook“.

All’istituto Pacioli di Crema, per ragionieri e geometri, i circa 1.600 studenti entro i prossimi cinque anni avranno tutti un loro computer. La prima tranche di consegna dei pc, che ha riguardato le 15 prime classi, e’ avvenuta ieri mattina. Gli studenti che hanno iniziato a prendere confidenza con i loro netbook – che porteranno nello zaino al posto dei libri – sono 430: da adesso in poi seguiranno le lezioni con il computer.

Questo è un notevole passo avanti della tecnologia all’interno delle scuole,ma a mio avviso è una delle cause della degradazione intellettuale e linguistica della società e soprattutto dei giovani.

Attraverso i libri si poteva studiare tranquillamente,da adesso,a mio avviso,questo non può essere possibile a causa della curiosità e della noia dei giovani che cercheranno di scovare ciò che è presente all’interno dei mini pc.

Sarebbe più opportuno se ci fosse uno sviluppo e un progresso culturale anziché tecnologico.




Loading Facebook Comments ...