ISTAT : la crescita rallenta PIL solo uno + 0,3%

Inserito in Economia | Scritto venerdì, 09 settembre 2011 | Autore Luigi Vierti | Commenta per primo

La crisi c’è e si vede. L’ISTAT ha confermato le stime del 5 Agosto, quindi il PIL Italiano è cresciuto di uno 0,3%, mentre nell’Eurozona solo dello 0,2%, in termini congiunturali,mentre su base annuale la situazione si fa più drastica, un aumento dello 0,8% in Italia rispetto all’1,6% registrato nell’Eurozona. Anche se nel secondo trimestre […]

IstatLa crisi c’è e si vede. L’ISTAT ha confermato le stime del 5 Agosto, quindi il PIL Italiano è cresciuto di uno 0,3%, mentre nell’Eurozona solo dello 0,2%, in termini congiunturali,mentre su base annuale la situazione si fa più drastica, un aumento dello 0,8% in Italia rispetto all’1,6% registrato nell’Eurozona. Anche se nel secondo trimestre altri paesi occidentali non sono andati meglio dell’Italia, la Germania per esempio ha registrato un aumento solo dello 0,2% mentre in Francia è rimasto addirittura uguale al precedente, il Giappone invece ha visto diminuire la crescita del PIL dello 0,3%. In Italia con una variazione congiunturale nulla per il resto dell’anno si registrerebbe una crescita del PIL nel 2011 dello 0,7%.

Le esportazioni sono aumentate dell0 o,9% mentre i consumi fissi nazionali e gli investimenti fissi lordi sono aumentati solo dello 0,2%. I primi a commentare questi dati sono il presidente di Federconsumatori e quello di Adusbef che hanno dichiarato : “Purtroppo la situazione è peggiore di quanto prospettato da questi dati . Anche alla luce della manovra iniqua e depressiva che il Governo Berlusconi ha approntato già sarà tanto se il PIL si discosterà dallo zero!”. Insomma dati poco incoraggianti, ma dalle previsioni date dai due presidenti la situazione potrebbe peggiorare ancora di più.

 




Loading Facebook Comments ...