Mediaset dice addio alla Gialappa’s band

Inserito in Spettacoli e svago, Televisione | Scritto lunedì, 09 luglio 2012 | Autore Vincenzo | Commenta per primo

Per colpa dell’austerity, Mediaset ha salutato la Gialappa’s band.

Per colpa dell’austerity, come scrive il settimanale Oggi, Mediaset ha salutato la Gialappa’s band. Muore “Mai dire Amici”, progetto costruito ma senza venire alla luce, addio anche al Mai dire Grande Fratello che deliziava i telespettatori più notturni. Anche perché anche il Grande Fratello si prenderà un anno di riflessione. Ma la notizia è che Carlo Taranto e i suoi, dopo tanti anni (venti) di lavoro a Cologno Monzese, si dovranno rassegnare a stare un anno fermi.

Da segnalare che appena nel febbraio scorso, si parlava di tutt’altro. Luca Tiraboschi di Italia Uno sosteneva che rimanere con un solo programma era stata una loro scelta. Ma loro non erano d’accordo:

«Con serietà Tiraboschi potrebbe dire la verità. Che non gli piacciamo particolarmente. Legittimo, però non dica che siamo noi che non vogliamo fare altro». Avete fatto delle proposte? «Sì. Il problema è che con la crisi i soldi sono meno e preferiscono destinarli altrove». Parlano serenamente perché odiano «chi firma i contratti e poi si lagna». Ma non accettano le motivazioni con cui viene spiegata la loro assenza: «Non è un problema, rinnovando il contratto sapevamo sarebbe stato così. Non incolpiamo nessuno, neanche Tiraboschi che è libero di fare le sue scelte. Ma non dicano che siamo noi che non abbiamo voglia di fare». La dimostrazione, sostengono, è il programma che ogni giorno Marco Santin e Giorgio Gherarducci conducono dalle 13 su R101 con Flavia Cercato, «Stile Libero»: «Non esiste solo la tv. Crediamo in questa trasmissione, ci divertiamo molto e c’è meno stress. Carlo non aveva voglia di un impegno quotidiano, per questo non è con noi».




Loading Facebook Comments ...