Palpeggia e bacia una bimba in piscina, calci e pugni per il pedofilo

Inserito in Cronaca, Primo piano | Scritto lunedì, 20 agosto 2012 | Autore Fabiana Cipro | Commenta per primo

Pedofilo in piscina prende in braccio una bimba di 7 anni e comincia a palpeggiarla. Immediata la reazione della mamma che, aiutata da tutti i presenti che lo malmenano, lo fa arrestare

Ha cercato di fuggire, non ne ha avuto il tempo. Perché in pochi secondi altri bagnanti lo hanno circondato. Calci e schiaffi contro il pedofilo che ha rischiato il linciaggio.

Una calda domenica d’agosto e la piscina si popola di famiglie con al seguito i figlioletti, prede troppo spesso appetibili per pedofili con “licenza” di approfittarne. E’ successo ieri a Milano alla piscina Argelati.

La bimba, di 7 anni, stava giocando con gli amichetti vicino alla piscina fatta apposta per i bambini, quando un uomo, un serbo di 50 anni, le si è avvicinato prendendola in braccio e cominciando a palpeggiarla e baciarla. La madre, per fortuna attentissima, ha cominciato ad urlare. Questione di secondi e l’uomo che per scappare ha gettato la bambina in acqua (un volo di quasi tre metri che per fortuna non ha avuto conseguenze sulla piccola), è stato circondato da una folla inferocita che ha cominciato a malmenarlo con pugni e schiaffi. 

Per sua fortuna però sono intervenuti  i vigili, chiamati direttamente dalla direzione della struttura sportiva grazie al servizio di vigilanza attivato dal Comune sulle piscine, a calmare per quanto possibile gli animi.

«Il pronto intervento della polizia locale, in collaborazione con il personale di MilanoSport, ha consentito di assicurare alla giustizia l’artefice di questo odioso reato – hanno commentato “il sindaco d’agosto” Cristina Tajani e l’assessore comunale allo sport Chiara Bisconti -. La vigilanza su parchi e impianti sportivi è stata potenziata in queste settimane estive per consentire ai milanesi di utilizzare questi luoghi di ristoro in sicurezza e serenità»

L’immagine della piscina non è quella di Argelati




Loading Facebook Comments ...