A 106 anni riceve l’agognato permesso di soggiorno in Italia

Inserito in Notizie Curiose | Scritto martedì, 02 ottobre 2012 | Autore Fabiana Cipro | Commenta per primo

L'ultra centenario, venuto in vacanza per stare qualche giorno vicino alla figlia e ai nipoti, ha deciso di restare in Italia seppur come clandestino

Farà sicuramente parte degli ultracentenari che vivono nel territorio italiano ma lui è “speciale”, difatti era clandestino da 12 anni.

Finalmente ha ricevuto il tanto desiderato permesso di soggiorno il signor Arcenio Cobba Balcazar, originario del Perù e arrivato in Italia nel 2000 per trascorrere qualche giorno con la figlia e i nipotini. Evidentemente si innamorò del nostro paese e decise quindi di restarci, seppur clandestinamente.

Gli è stato concesso per motivi umanitari dopo che alcuni rappresentanti della comunità del Sud America a Roma, nel giorno del suo centesimo compleanno, hanno preso a cuore la sua situazione ed hanno chiesto all’ufficio immigrazione della Questura di Roma, dove attualmente risiede, le indicazioni per poter regolarizzare la sua posizione. All’epoca gli fu concesso un visto temporaneo. Da allora, ogni anno, Arcenio ha inviato alla questura romana una lettera per ringraziare la polizia e lo Stato italiano e per prenotare un appuntamento con l’ufficio immigrazione. Anche il Presidente Napolitano, tramite il suo segretario, ha mandato all’uomo, in occasione dei suoi 106 anni, un telegramma in cui gli faceva gli auguri «per la lunga e operosa esistenza».

Ora potrà finalmente circolare per le strade della capitale senza paura di poter essere “catturato” ed espulso. Il permesso di soggiorno scadrà nel 2013 ma ci sarà sicuramente modo, per lui, di rinnovarlo. «L’Italia mi fa sentire a casa, qui sono stato accolto da una vera famiglia. Il mio sogno più grande ora è la cittadinanza onoraria», ecco quali sono state le sue parole.

Auguriamo al nonnino di prolungare ancora di molti anni la sua permanenza.




Loading Facebook Comments ...