26enne dato per morto viene salvato da 45 minuti di massaggio cardiaco

Inserito in Cronaca, Primo piano | Scritto lunedì, 08 ottobre 2012 | Autore Fabiana Cipro | Commenta per primo

Si è sentito male a bordo del treno e solo la determinazione del medico ha fatto si che si salvasse

Brutta, bruttissima avventura ieri pomeriggio per Luigi B., 26 anni, studente di Ciampino, salito a bordo del treno Roma – Ciampino e sentitosi male subito dopo.

«Morto, per noi era morto di sicuro», raccontano i passeggeri del treno che ricorderanno sicuramente per il resto della loro vita, il miracolo cui hanno assistito. Il giovane, riverso tra i sedili non respirava più, aveva le labbra viola ed era pallidissimo, gli occhi riversi all’insù e il cuore che non ne vuole sapere di battere. Il macchinista ha chiamato immediatamente l’ambulanza.

Sono serviti 45 minuti per riportarlo alla vita, 45 minuti di massaggio cardiaco, la determinazione del medico e degli infermieri che non si sono arresi ma hanno continuato imperterriti fino a fargli riprendere il battito del cuore. C’era solo la loro voce che scandiva “uno, due, tre, quattro….” intorno il silenzio più assoluto.

20 minuti di massaggio cardiaco sul treno e sull’ambulanza parcheggiata in piazzale Kennedy, davanti alla stazione, e altri 25 al Policlinico di Tor Vergata dove il ventenne è arrivato con evidenti segnali di ripresa. Il professor Antonio Rebuzzi, cardiologo dell’Università Cattolica, spiega: «Il massaggio cardiaco prolungato almeno per 35 minuti, come previsto dalle linee guida, ha permesso di recuperare il battito del cuore del giovane. Con un arresto cardiaco reale e prolungato non è possibile un recupero: probabilmente si è trattato di un forte rallentamento del battito oppure di una tachicardia ventricolare, o comunque un’aritmia che ha permesso che un minimo di sangue sia arrivato al cervello per tenerlo in vita».

Luigi ora è ricoverato nel reparto di terapia intensiva sotto stretta osservazione. Non era ancora arrivato per lui il momento di salutare la vita, il miracolo è successo.




Loading Facebook Comments ...