Borsa di Tokyo di nuovo in calo, si teme per inflazione cinese

Inserito in Borsa e finanza, Primo piano | Scritto mercoledì, 12 maggio 2010 | Autore Piera | Commenta per primo

Un’ altra chiusura negativa, anche se di poco, si è registrata stamattina alla Borsa di Tokyo. Il Nikkei ha chiuso in lieve calo a causa dei segnali di una pressione inflazionistica sempre crescente in Cina che potrebbe portare a restrizioni da parte di Pechino e quindi far calare la domanda e i consumi. Il Nikkei ha […]

Un’ altra chiusura negativa, anche se di poco, si è registrata stamattina alla Borsa di Tokyo.

Il Nikkei ha chiuso in lieve calo a causa dei segnali di una pressione inflazionistica sempre crescente in Cina che potrebbe portare a restrizioni da parte di Pechino e quindi far calare la domanda e i consumi. Il Nikkei ha chiuso in calo dello 0,16% a 10.394,03 punti, mentre il più ampio Topix ha chiuso con un +0,08% a 932,83 punti.

La giornata di ieri.

Dopo il boom di inizio settimana, Piazza Affari ieri ha chiuso con un “fisiologico” segno meno, ma dopo aver raggiunto un calo di oltre due punti percentuali, a fine giornata riesce a tornale su livelli più alti, complice l’apertura di Wall Street, che dopo un calo iniziale si è spostato in territorio postivio. Il Ftse Mib ha ceduto lo 0,46% a 20.874 punti ed il Ftse All Share lo 0,47% a 21.445 punti. Trainano al ribasso i bancari, ma chiudono in negativo anche le assicurazioni, segno più, invece, per Terna e Fiat. 

Wall Street a fine giornata chiude in lieve ribasso, con il Dow Jones che perde lo 0,34% a 10.748,48 punti, il Nasdaq che avanza dello 0,03% a 2.375,31 punti, mentre chiude in lieve ribasso anche l’ S&P 500, che cede lo 0,34% a 1.115,76 punti.




Loading Facebook Comments ...