Armstrong e il doping, dobbiamo ancora credere nello sport?

Inserito in Ciclismo, Primo piano | Scritto venerdì, 18 gennaio 2013 | Autore Orazio Accomando | Commenta per primo

Per anni è stato il personaggio sportivo più amato, un sostegno e una forza per i meno fortunati. Aveva vinto sette tour de France e una medaglia olimpica dopo aver scalato la salita più dura: il cancro. In molti hanno sempre avuto sospetti sulle vittorie stratosferiche di Lance Armsrong, sospetti ritenuti sempre infondati e dettati […]

Per anni è stato il personaggio sportivo più amato, un sostegno e una forza per i meno fortunati. Aveva vinto sette tour de France e una medaglia olimpica dopo aver scalato la salita più dura: il cancro.

In molti hanno sempre avuto sospetti sulle vittorie stratosferiche di Lance Armsrong, sospetti ritenuti sempre infondati e dettati dall’invidia nei confronti di un grande campione di vita e di sport. Tutte questi dubbi e sospetti hanno senso adesso, per la gioia di tutti i suoi accusatori. Armstrong ha confessato alla giornalista americana Oprah Winfrey di aver vinto i sette tour facendo uso di doping. E’ una sconfitta sua, del ciclismo, di tutto lo sport ma soprattutto di tutte quelle persone che hanno lottato, e lottano, contro una malattia e che vedevano nel ciclista texano un esempio da seguire e imitare.

Armstrong ha affermato che << facevo uso di doping altrimenti a quell’epoca sarebbe stato impossibile vincere. Non ho inventato io il doping ma non ho avuto la voglia e la forza di sconfiggerlo>>.

Inoltre l’ex ciclista ha voluto chiarire di non aver mai costretto nessun compagno a fare uso di doping.

Ciò che colpisce nelle confessioni di Armstrong è l’assenza di lacrime, emozioni e soprattutto vergogna.

Sport non vuol dire vittorie ma valori, valori che il texano sembra non aver mai avuto.

Dobbiamo ancora credere nello sport pulito? C’è ancora qualcuno che gareggia per divertimento o quello che conta è solo la vittoria da raggiungere anche con i mezzi più subdoli?

A voi tutte le risposte.

 




Loading Facebook Comments ...